Per informazioni commerciali

Basta con la Favola dei Prodotti a Marchio Proprio

Cara titolare (estetista o parrucchiera è indifferente) chi sei in questo momento? Sei più Barilla o più Antico Forno?

Sei davvero pronta ad affrontare un investimento di denaro, di tempo e di energia (che togli da altro) per inserire una linea di cosmetici a tuo nome? A quanto ammontano oggi le vendite dei prodotti nel tuo Istituto/Salone? Corrispondono al 30% del totale incassato ogni mese?

Chi ti dice che lo devi fare perché il mercato sta andando in quella direzione, ti sta dando un’indicazione generalista senza considerare le VERE problematiche che hai tutti i giorni nel tuo Centro Estetico (a meno che tu non sia già la Barilla) .

Ti elenco in rassegna i pericoli nascosti dietro ai vantaggi tanto osannati di avere in Istituto/Salone i prodotti domiciliari a Marchio proprio:

➊ Rinforzi il tuo Brand (marchio) – VERO, MA sei sicura che il tuo nome sia già diventato un BRAND? Sai davvero che cosa significa essere un Brand riconosciuto sul mercato? Hai già messo in atto TUTTE le strategie di Brand Positioning? Se ti sembra arabo è meglio che continui a comprare prodotti dalle case cosmetiche.


➋ Hai un maggior ricarico sull’autocura – VERO, MA quanti prodotti domiciliari vendi oggi? Gli incassi da vendita di prodotti corrispondono ad almeno il 30% del totale? Sei davvero convinta che avere il tuo nome sui prodotti porterà le vendite alle stelle? Perché una cliente dovrebbe comprare da te un prodotto sconosciuto se oggi non acquista da te neppure i grandi Marchi?


➌ I prodotti a tuo Marchio li vendi solo tu – VERO, MA sei sicura di trovare facilmente un laboratorio che ti offra una linea di prodotti efficaci, sicuri e piacevoli da utilizzare per TUTTE le tue clienti e per TUTTE le problematiche della pelle? Di quante referenze avresti bisogno?


➍ Fidelizzi le clienti al tuo Marchio e non ai grandi Marchi che si possono trovare anche dalla concorrenza – VERO, MA se i prodotti a tuo Marchio non piacessero a gran parte delle tue clienti? Che fai?

Questi sono invece gli svantaggi reali:

➊ I prodotti da personalizzare che il terzista ti propone sono standard “da scaffale” e le formulazioni non sono modificabili. Creare una linea di cosmetici da zero è un investimento di tempo e di denaro molto pesante.


➋ I laboratori di produzione accettano commesse solo con un numero minimo di pezzi per ciascuna referenza che va dalle 50 unità (rari casi) alle 100, 200 e oltre.


➌ I prodotti a tuo Marchio devono essere conciliabili e perfettamente associabili ai trattamenti che effettui utilizzando le linee professionali.


➍ I prodotti a tuo Marchio potrebbero causare delle reazioni indesiderate e ti troveresti da sola ad affrontare una possibile questione legale

Eppure sembrerebbe proprio che il mercato dei cosmetici professionali stia andando verso la personalizzazione diffusa dei prodotti .

Se vuoi sapere se sei pronta per affrontare questo progetto devi barrare “ce l’ho!” su ognuna di queste voci:

✔ il tuo Istituto/Salone produce già un utile costante tutti i mesi
✔ il tuo team è perfettamente allineato con la tua visione e i tuoi obiettivi
✔ non hai Fidi bancari o altre esposizioni a cui far fronte
✔ l’organizzazione del tuo Istituto/Salone è impeccabile, tutti sanno cosa fare e come farlo
✔ almeno il 60 % delle tue clienti sono di tipo T.U.O. e frequentano il tuo Istituto/Salone almeno una volta alla settimana
✔ la vendita dei prodotti domiciliari equivale almeno al 30% del totale incassato
✔ il tuo nome è un BRAND riconosciuto e ben posizionato sul mercato (Specializzazione e Differenziazione sono pienamente realizzate)

Questo è quello che penso io avendo toccato con mano la questione per alcuni miei clienti (ho girato laboratori, ho parlato con vari fornitori, ho registrato personalmente dei prodotti al portale Europeo etc..)

Lascia un commento